Parrocchia Sant´Andrea Apostolo in Foggia di Rapallo (GE)

  • Visione dell'organo dalla chiesa
    Visione dell'organo dalla chiesa
  • Prospetto di facciata
    Prospetto di facciata
  • Consolle
    Consolle
  • Tastiera e pedaliera
    Tastiera e pedaliera
  •  Ventilabri del somiere maestro...
    Ventilabri del somiere maestro...
  •  Ventilabri del somiere maestro...
    Ventilabri del somiere maestro...
  • Manticeria
    Manticeria
  • Canneggio prima del restauro
    Canneggio prima del restauro
  •  Visione delle canne dopo...
    Visione delle canne dopo...
  • Canneggio dopo il restauro
    Canneggio dopo il restauro

Parrocchia Sant´Andrea Apostolo in Foggia di Rapallo (GE)

Bruna Felice Maria
Rapallo (GE), frazione Foggia
Parrocchia Sant´Andrea Apostolo
1844
2022

 

Parrocchia Sant'Andrea Apostolo in Foggia di Rapallo (GE)

Organo Felice Maria Bruna 1844.

Lo strumento è posto in cantoria sopra il portale di ingresso principale, racchiuso in cassa lignea decorata, dotata di portelle apribili.

Mostra costituita da 27 canne in stagno fine sonore. Labbri superiori a mitria con puntino a sbalzo inferiore e superiore. La canne maggiore risponde al DO 2 del registro Principale 8'.

Una tastiera in sesta di 50 tasti con estensione DO 1 – FA 5; tasti diatonici fasciati in avorio, tasti cromatici in ebano. I frontalini dei tasti diatonici presentano una decorazione in pergamena perfettamente conservata. Sull'ultimo tasto è presente la datazione a china del 1646. La decorazione in pergamena, la datazione del 1646, la numerazione dell'ultimo tasto non conseguente con i precedenti (48,49,51) sono elementi che fanno supporre che la tastiera – o solo i tasti – siano un reimpiego di uno strumento a pizzico come un clavicembalo o una spinetta, dove è abbastanza tipico trovare firma e/o data di costruzione su un tasto della tastiera.

Tastiera durante il restauro: particolare della datazione sull'ultimo tasto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tastiera durante il restauro: particolare dei frontalini con pergamena

Pedaliera a leggio, in sesta di 14 pedali, costantemente unita alla tastiera per mezzo di cordelle. Nella prima ottava (DO 1 – SI 1) suonano le canne in legno dei Bassi al pedale, da DO 2 a MI 2 tira la tastiera, l'ultimo pedale aziona l'accessorio dei Rosignoli.

Registrazione a manette disposte a destra della tastiera su una colonna.

Principale basso

Principale soprano

Ottava

Quinta X

Decima IX

Vigesima II

Vigesima VI

Vigesima IX

Trombe basse

Trombe soprane

Fluta soprani

Flauto in VIII

Cornetto soprani

Bassi 8' al pedale

La divisione tra bassi e soprani è ai tasti MI 3 – FA 3.

Trasmissione meccanica del tipo sospesa.

Il somiere maestro in noce è del tipo a tiro con 13 stecche di registro.

Un somiere a ventilabri posto sul fondo della cassa alimenta 8 canne in legno aperte del registro Bassi al pedale 8'.

Crivello in cartone con bocche delle canne poste superiormente. Le canne sono realizzate nella tradizionale lega stagno – piombo, quelle in legno sono in abete verniciate con bolo rosso. Le tube delle ance sono in banda stagnata.

Manticeria costituita da tre mantici a coda posizionati all'interno del basamento dotati di ruote lignee e funi per l'azionamento manuale.

Pressione del vento di alimentazione delle canne: 46 mm in colonna d'acqua.

Corista LA 3: 456 Hz a 17° C.

Temperamento: a sesti di comma.

Il restauro è stato sostenuto economicamente dalla C.E.I per mezzo dei fondi dell'8x1000 alla Chiesa Cattolica.

Il restauro della cassa lignea è stato curato dai restauratori Emanuele Calzolari e Gabriele Garbarino di Santa Margherita Ligure (GE).